L'Angolo delle Ricette

Vela charter napoli

 

Propone :

 

· Charter Nautico, Weekend In Barca e Noleggio Barche a Napoli

· Gite Giornaliere In Barca A Vela e Veleggiate Pomeridiane In Barca,

· Crociere Romantiche In Barca, con Cena Sotto le Stelle …

· Last Minute In Barca A Vela, Vacanze In Barca A Vela e Charter In Barca,

· Vacanze Nel Mediterraneo  verso le più belle Isole  del Tirreno : Isola d’Ischia, Isola di Procida, Isola di Ponza, Isola di Ventotene,

· Isola d’Elba, Isole Eolie, Tirreno Centrale e Meridionale

· Gite Giornaliere nel Golfo di Napoli, Isola di Procida, Isola d’Ischia, Isola di Capri, Amalfi e Cilento

 

Tutto a Prezzi Vantaggiosissimi :

 

Offertissima Promozionale per prenotazioni entro il 31 Gennaio

 

Prenota oggi la tua Vacanza in Barca a Vela di una Settimana

 

E risparmi il 15 % dal Listino

 

( la Vacanza si svolgerà dal mese di Maggio al mese di Settembre)

 

Last Minute, Weekend, Gite Giornaliere, Crociera Romantica

 

Promozione Estate 2017 :

 

Se Prenoti sin da ora per la prossima Estate la tua

 

Cena Romantica in Barca a Vela con Cena sotto le Stelle ...

 

Avrai uno sconto extra del 10 % 

 

Non perdere l’occasione

 

l’ offerta è valida fino al 31 Marzo 2017 !!!

 

 

Per Prenotare la Tua Cena Romantica Sotto le Stelle … Clicca Qui

 

 

Vela Charter Napoli

 

Qui potrete visionare l’angolo delle Ricette

(dosi per 2 persone, dettagli alimenti, consigli per la preparazione e se vorrete potrete dedicarvi a realizzarle a casa vostra,

facendo felice la vostra Amata o il vostro lui) relativo ai menù che vi saranno serviti in barca in occasione della

 

Cena Romantica in Barca a Vela Sotto le Stelle …

In Formula Esclusiva in dolce compagnia della tua Amata /o, occhi negli occhi a Lume di Candela …

 

 

Per un evento importante, una data particolare da festeggiare in modo esclusivo e romantico, il giorno

del vostro anniversario di matrimonio, il vostro primo anno di fidanzamento passato felicemente insieme,

un compleanno, un onomastico o semplicemente far  felice la vostra lei o il vostro lui,

in un modo esclusivo, semplice e romantico ...

 

 

Hai già pensato dove trascorrere il prossimo anniversario, in dolce compagnia della tua Amata ?!?

Perché non pensi a come farle una gradita sorpresa, un po’ fuori dalla solita routine quotidiana e

dal solito modo di festeggiare certi momenti … che vanno certamente festeggiati !!!

 

Antipasti :

 

Ostriche e Spinaci al gratin

 

Dosi per 2 Persone :

 

8 Ostriche o al massimo 10

(noi ci approvvigioniamo di tutti i frutti di mare e pesce tutto, presso il centro depurazione molluschi IRSVEM a Baia (Bacoli)

300 gr. di spinaci lessati

200 ml di besciamella

50 gr parmigiano

1 spicchio di aglio

Un po’ di burro o valle

Poco sale e pepe se vi piace

 

Preparazione

 

1) In una padella fate soffriggere l'aglio in poco burro e gli spinaci tritati finemente (precedentemente lessati e sgocciolati).

In una terrina unite la besciamella agli spinaci, amalgamate e aggiungete del Parmigiano fresco grattugiato.

 

2) Aprite le ostriche con l’apposito coltellino,

mettete il frutto da una parte più profonda della valva.

Coprite le ostriche con il composto (Besciamella e Spinaci),

cospargete con poco parmigiano e aggiungete un pezzetto di burro.

Aggiustate di sale e mettete il pepe se vi piace.

 

3) Mettete le Ostriche in una teglia, di cui sul fondo avrete preparato dei piccoli taralli con la carta stagnola,

(serviranno a far stare le ostriche dritte in forno senza che si abbattano su di un lato,

facendo poi colare tutto il contenuto nella teglia).

 

4) Una volta preparata la teglia disponetela in forno caldo e fate dorare al grill per pochi minuti (massimo 15 minuti).

 

Poi Buon Appetito !!!

 

 

Cocktail di gamberi in salsa rosa:

 

Dosi per 2 persone :

 

600 gr di gamberi freschi (non surgelati)

(Io uso il gambero non il gamberetto piccolo,

trovo che il gambero un po’ più grosso abbia un sapore più delicato

(certo è solo un mio punto di vista ed un mio gusto personale)

 

Per la salsa rosa :

500 ml circa di maionese (Se non vi và di prepararla in casa con uova, olio di oliva e limone,

può andar bene anche quella confezionata Kraft oppure Calvè)

 

Poco concentrato di pomodoro oppure un po’ di ketchup

(consiglio non comprate le salse rosa confezionate poiché hanno un gusto inappropriato per il cocktail di gamberi,

certo è sempre solo un mio punto di vista ed un mio gusto personale … però, provare per credere)

 

Rucola oppure insalata verde di vostro gusto

 

Preparazione :

 

Lessate i gamberi in abbondante acqua poco salata circa 15 minuti,

Poi scolateli in un cola pasta ed aspettate che si raffreddino,

Poi quando non saranno troppo caldi per non scottarvi sgusciate tutti e gamberi eliminando anche quel filetto nero che si trova su tutta la lunghezza del gambero dalla testa alla coda sul lato superiore

(per eliminare il filetto nero potete aiutarvi con uno stuzzicadenti.

Lasciando il filetto nero renderà al gambero un gusto amarognolo).

Dopo di ciò disponete tutti i gamberi in una terrina e nel frigorifero nella parte bassa dove il freddo è più forte.

 

Salsa Rosa :

 

Disponete in un terrina la maionese precedentemente preparata, poi unite ad essa un po’ di concentrato di pomodoro oppure del semplice ketchup e un po’ di sale.

Amalgamate bene il tutto fino a far assumere alla maionese quel bel colore roseo delicato.

A questo punto inserire i gamberi sgusciati e riporre tutto nel frigo.

 

Preparate delle coppette per ospitare il cocktail con sul fondo qualche fogliolina di insalata verde,

poi inserire i gamberi con il composto e a fine preparazione disporre qualche fogliolina di insalata come decorazione,

poi di nuovo in frigo fino al momento del vostro antipasto.

 

Poi Buon Appetito !!!

 

Insalata Rucola gamberi e scaglie di parmigiano :

 

Dosi per 2 persone :

 

600 gr di gamberi freschi (non surgelati)

(Io uso il gambero non il gamberetto piccolo,

trovo che il gambero un po’ più grosso abbia un sapore più delicato

(certo è solo un mio punto di vista ed un mio gusto personale)

500 gr massimo di Insalata Rucola

2 cucchiai di Olio di oliva

2 cucchiaini da caffè di succo di limone

Sale quanto basta

Circa 100 gr di parmigiano grattato a scaglie.

 

Preparazione :

 

Lessate i gamberi in abbondante acqua poco salata circa 15 minuti,

Poi scolateli in un cola pasta ed aspettate che si raffreddino,

Poi quando non saranno troppo caldi per non scottarvi,

sgusciate tutti e gamberi eliminando anche quel filetto nero che si trova su tutta la lunghezza del gambero dalla testa alla coda sul lato superiore

(per eliminare il filetto nero potete aiutarvi con uno stuzzicadenti.

Lasciando il filetto nero renderà al gambero un gusto amarognolo).

Dopo di ciò disponete tutti i gamberi in una terrina e nel frigorifero nella parte bassa dove il freddo è più forte.

 

In una Terrina inserire l’insalata Rucola e condirla con l’olio di oliva, il sale, e il succo di limone,

poi aggiungere i gamberi e farli insaporire con il composto,

poi disporre il tutto nei piatti per insalata,

In fine ricoprite la superficie dei piatti per insalata con abbondante parmigiano a scaglie.

 

Poi Buon Appetito !!!

 

Tartine Miste : Salmone, Caviale,

 

Dosi per 2 persone :

 

200 gr di Salmone affumicato

1 scatoletta di Caviale (non uova di lompo, il caviale è più delicato, certo più difficile da trovare e certamente più costoso,

ma il palato vi ringrazierà per la fatica e impegno di tempo per la ricerca.

1 cucchiaino di Succo di limone

8 fette di pan carré

100 ml di maionese (quella in tubetto Kraft può andare bene, possiede anche un dosatore con decorazione a Stellina)

 

(Per il Caviale Potrete usare il Palatifini in scatolette da 30 gr con un costo di euro 55,25

oppure il Caviale Prunier in scatolette da 10 gr ed un costo di €  25,90

Oppure il Caviale Caviar,

comunque su internet e nei negozi specializzati potrete trovare il Caviale di vostro gradimento ...

 

Preparazione :

 

Per il caviale :

Aprire la scatoletta contenente il Caviale,

disporre tutto il contenuto in un piatto fondo ed incorporare

1 cucchiaino di succo di limone,

mescolare bene e riporre il tutto in frigo

 

Per i crostini :

Prendere le fette di pan carré e tagliarle a quadratini (4 per ogni fetta di pan carré)

Poi disporre i quadratini in forno caldissimo

oppure in ampia padella per farli dorare un po’

Dopo che i quadratini (crostini) si saranno dorati e completamente raffreddati,

stendere su ogni di esso un po’ di maionese,

oppure alternate 1 crostino con maionese ed

1 crostino con il burro.

 

A questo punto sui crostini con maionese disponete un quadratino di Salmone affumicato e su di esso potete decorare con un piccolo ricciolo di maionese usando l’apposito decoratore contenuto nella confezione della maionese Kraft.

 

Sui restanti crostini sul quale avrete steso un leggero strato di burro spalmate un po’ di Caviale,

oppure se preferite il crostino con maionese decorate il crostino con un piccolo ricciolo di maionese usando l’apposito decoratore contenuto nella confezione della maionese Kraft e finite raggruppando al centro del decoro con una pirimidina di Caviale.

 

Dimenticavo che le tartine al Caviale e Salmone andranno pasteggiati con dell’ottimo Champagne Brut Berlucchi,

oppure ancora meglio Champagne Moet Chandon

 

Poi Buon Appetito !!!

 

Primi Piatti :

 

Linguine o Calamarata all’Astice

 

Dosi per 2 Persone :

 

2 Astici circa 1 Kg in totale rigorosamente viviiiiiiiiii … e mai Surgelati !!!

Olio di Oliva

1 Spicchio di Aglio

Sale poco

1 Bicchiere non pieno di buon vino bianco di qualità oppure un bicchierino di brandy

(attenzione al brandy non versatelo nell’olio bollente poiché fa una fiammata)

260 gr di Linguine o Calamarata oppure il formato di pasta che più vi piace

(La Pasta fresca per me non va bene è troppo limacciosa, assorbe molto condimento e poco digeribile,

poi i gusti sono gusti e nessuno può sindacarli)

4 o 6 pomodorini freschi e ben maturi,

(so già che qui è una impresa, bisognerebbe avere il proprio orto, per avere quei bei pomodorini rossi rossi, pieni di sole e dal profumo intenso).

 

A questo punto passiamo alla pulizia degli Astici ...

 

So bene che potrei toccare un punto molto ostico e perciò mi asterrò dal farlo,

(ma in fondo siamo essere umani e dobbiamo pur nutrirci anche di cose fresche e delicate …)

Su Internet troverete consigli e video che illustrano come pulire l’Astice nel miglior modo possibile e sempre nel dovuto rispetto, tra i più gustosissimi dei crostacei in genere ...

 

Sconsiglio di farvi pulire gli Astici in pescheria,

Poiché, per tutto il tempo che passerà prima della cottura,

gli Astici avranno perso tutto il loro liquido saporito, rendendoli secchi e stopposi.

Perciò con un po’ di coraggio buon senso, amore e rispetto,

la pulizia dell’Astice toccherà a voi !!!

 

L’unico consiglio che mi permetto di darvi è :

bisogna eliminare il cervello nella testa dell’Astice ed è quello di colore verdognolo un po’ fibroso e molliccio ed tutto ciò che è di colore nero (se nell’Astice trovate delle uova cosa che non dovrebbe succedere, ma capita, potete lasciarle anche in cottura e il gusto non verrà alterato anzi ...), poi il filetto nero che trova sulla parte superiore che scorre dalla testa alla coda,

diciamo è come il filetto nero dei gamberi,

per l’estrazione del filetto potrete aiutarvi con uno stuzzicadenti,

In fine gli occhi esterni andranno rimossi (poiché lasciandoli sulla corazza in cottura rilasciano un po’ di liquido che renderà al sughetto un retrogusto amarognolo) usando un piccolo coltellino per aiutarvi a rimuoverli.

In fine le chele andranno incise oppure un po’ schiacciate con un sciaccia chele o schiaccia noci

(per consentire la fuoriuscita dei succhi contenuti in esse, donando al sughetto un gustosissimo sapore prelibato)

In più per la cottura dell’Astice di solito s’impiegano 10 minuti al massimo,

o fino al raggiungimento della caratteristica colorazione rosso intenso.

 

Ho trovato siti dove danno tempi di cottura anche di 40 minuti

(impensabile per un piccolo e delicato crostaceo, friggereste dei gamberi per 20 minuti ??? Penso proprio di no !!! ),

Sappiate che l’Astice non deve cuocere molto, come molti dicono,

perché più cuoce più si secca e più diventa duro e stopposo,

provare per credere …

 

 

Preparazione :

 

Porre una ampia pentola colma di acqua con un po’ di sale ed accendere il fuoco

Sul secondo fornello adagiare una pentola molto larga e alta,

inserendo in essa un bel po’ di olio, diciamo ricoprendo quasi tutto il fondo.

Per il momento su questa pentola non accendete il fuoco.

 

1) Prendete il primo Astice, riponetelo in una ampia teglia quadra in modo da non perdere i liquidi (dimenticavo nelle operazioni di pulizia non passate mai l’Astice sotto l’acqua corrente, perché perdereste tutto il liquido saporito dell’Astice), tagliatelo a metà nel senso della lunghezza, poi recuperare tutta la polpa dalla corazza della coda, dalla testa e dalle chele, schiacciate le chele piccole (quelle sotto la testa),

poi sminuzzare la polpa con un coltello affilato e trasferite la polpa e tutti i liquidi della teglia quadra in una ampia ciotola.

(tutti i pezzi della corazza dell’Astice oramai vuoti non gettateli, ma conservateli per la cottura insieme all’Astice al punto 3)

 

2) Passate al secondo Astice ed effettuate le operazioni di pulizia sempre nella teglia quadra, come descritto al punto 1

però, questa volta dividerete l’Astice in sole 2 metà da lasciarsi intere e senza estrarre la polpa,

schiacciate le chele grandi e le piccole sotto la testa e lasciate il tutto nella teglia quadra.

(Il secondo Astice sarà gustato dopo aver mangiato e gustato la pasta, oppure tra una forchettata e l’altra …)

 

3) A questo punto accendete il fuoco sotto la seconda pentola e quando l’olio sarà caldo inserite lo spicchio di aglio ed il peperoncino se vi piace,

poi dopo circa 2 minuti e senza fare imbiondire l’aglio inserite nella pentola l’Astice intero

(quello del punto 2, più tutti i pezzi vuoti della corazza del primo Astice punto 1)

Fatelo rosolare a fiamma alta per pochi minuti girando spesso con un cucchiaio di legno ed inserendo ogni tanto un po’ di brandy (o vino bianco secco, attenzione al brandy poiché si infiamma facilmente, in caso di difficoltà versare un po’ d’acqua prelevata dalla pentola per la pasta, abbassando o chiudendo la fiamma, oppure mettere velocemente un coperchio),

per il brandy  massimo un bicchierino da caffè.

 

Per la rosolatura dell’Astice consiglio di non usate il coperchio perché non otterreste l’effetto rosolatura,

ma ben si, avreste l’effetto bollitura.

 

4) Dopo che il Brandy o vino sarà evaporato, versate tutti i pomodorini tagliati in precedenza e fate andare il tutto fino a quando l’Astice non sarà diventato di un bel colore rosso vivo (questo effetto si raggiungerà in pochi minuti, non spingete troppo la cottura altrimenti avreste un Astice stopposo), come raggiungete la colorazione voluta abbassate la fiamma e togliete tutti i pezzi dell’Astice disponendolo in un piatto da portata e disponetelo in caldo,

(magari coprendolo con un po’ di carta alluminio e riponendolo in una borsa termica per non farlo raffreddare,

non mettetelo nel forno caldo altrimenti si seccherebbe).

 

5) A questo punto poiché l’acqua sarà a bollore inserite la pasta nella pentola piena di acqua e portate a semi cottura la pasta, diciamo fino a circa 3 minuti prima della cottura consigliata che di solito si trova su tutte le confezioni di pasta (di solito sono intorno ai 10 / 14 minuti a secondo delle marche di pasta).

Poi poiché i pomodorini hanno bisogno di più cottura in confronto all’Astice, alzate la fiamma della pentola con il sughetto e versate tutto il contenuto del primo Astice sminuzzato e fate andare fino fine cottura (se usate pasta fresca che ha bisogno di pochissimi minuti di cottura regolatevi nella cottura del secondo Astice che dovrà cuocere non più di 10 minuti)

Quando la pasta sarà quasi cotta (prelevate un po’ di condimento da disporre sui piatti di portata) trasferitela nella pentola con il sughetto per farle finire la cottura, girate spesso ed aggiungete anche un po’ per volta dell’acqua di cottura della pasta (il tutto deve rimanere morbido e non secco) ultimata la cottura impiattate,

aggiungete ancora del condimento saporito che avrete tenuto da parte,

poi disponete al lato del piatto o sopra la pasta al centro,

metà Astice a persona

 

Poi Buon Appetito !!!

 

Dimenticavo che le linguine all’Astice andranno pasteggiati con dell’ottima Falanghina dei Campi Flegrei DOCG

oppure con del Greco di Tufo DOCG o Fiano o semplicemente pasteggiando con dell’ottimo Champagne Brut Berlucchi,

oppure ancora meglio Champagne Moet Chandon

 

 

 

 

La Pagina dell’Angolo delle Ricette è in continuo aggiornamento,

 

presto troverete tutte le Ricette dei vari menù che cuciniamo e serviamo in Barca in occasione delle

Cene Romantiche occhi negli occhi a lume di candela sotto le stelle ...

 

Se gradite delle Info in particolare o Ricette

inviateci una mail che saremo lieti di rispondervi inviandovi la vostra Ricetta Preferita …

 

Info@velacharternapoli.it